Mer. Mag 29th, 2024
La poltrona odontoiatrica, parte fondamentale di qualsiasi clinica odontoiatrica, fa parte del riunito odontoiatrico composto da: vassoio degli strumenti, siringa, tubo, pedale e poltrona odontoiatrica.
La poltrona è a sua volta composta da: testa, schienale e sedile.La poltrona deve essere ergonomica, non solo per garantire il comfort del paziente, ma anche per semplificare il lavoro dell’odontoiatra e consentire diverse posizioni per adattarla ad ogni trattamento, esigenza e paziente.
L’obiettivo? Facilitare il lavoro del team di professionisti e offrire un’esperienza positiva al paziente.La scelta degli strumenti e macchinari diventa quindi di primaria importanza e legata al successo di ogni studio dentistico.
Per potere scegliere la poltrona corretta bisogna considerare vari fattori tra cui le caratteristiche tecniche.
Con questo articolo approfondiremo i vari aspetti da considerare per fare la scelta adeguata.

Valutare le caratteristiche tecniche della poltrona

Di fronte all’acquisto di una poltrona odontoiatrica ci sono alcune caratteristiche tecniche da tenere in considerazione per garantire la comodità tanto al cliente tanto all’odontoiatra che deve lavorare mantenendo una postura corretta per evitare fastidi e dolori fisici.Con il passare degli anni, le poltrone odontoiatriche si sono evolute e solitamente sono dotate anche di una serie di tubi di aspirazione e tubi pneumatici che permettono l’alimentazione dei vari strumenti durante le operazioni consentendo trattamenti sempre più sicuri ed efficaci.

Per quanto riguarda l’aspetto ergonomico della poltrona bisogna valutare:

          • schienale anatomico: garantisce la comodità del cliente e libertà di movimento per il professionale;
          • poggiatesta (estraibile o non estraibile): il poggiatesta estraibile e regolabile è consigliabile per una maggiore angolazione e visione della cavità orale;
          • braccioli: possono essere a doppia posizione – consigliati per sostenere il paziente e facilitarne l’ingresso e l’uscita dalla poltrona – ed estraibili;
          • tappezzeria e rivestimento sagomato: non si tratta solo di estetica ma di igiene! Fondamentale che la sedia possa essere igienizzata facilmente;
          • poggiapiedi: può essere inclinato per maggiore comodità del paziente;
          • punto di abbassamento massimo e punto di altezza massimo: essenziale per l’operatore per potersi avvicinare sufficientemente al paziente ma allo stesso tempo per mantenere una postura corretta ed evitare molestie e dolori;
          • Rotazione: angolo di rotazione della poltrona verso destra/sinistra rispetto al centro.

Bisogna inoltre considerare la portata della sedia (in kg), il tipo di alimentatore fornito , il sistema di azionamento idraulico ed i complementi.

Durata

Queste sedie sono disegnate e testate per durare circa 20 anni.
Come tutti gli strumenti, la vita utile può variare in base ad alcuni fattori come: grado di utilizzo, pulizia e manutenzione.
È consigliabile consultare la durata della garanzia per eventuali manutenzioni future.

Prezzi

Tenendo conto della funzione della poltrona, il prezzo è l’ultimo aspetto da ponderare.
Questo strumento infatti, verrà utilizzato ed influirà sul lavoro del professionista, sul confort del paziente e sull’esperienza complessiva.Durante gli anni, la ricerca e lo sviluppo hanno reso disponibili differenti modelli di poltrone odontoiatriche: dalla poltrona “basica” a quella più completa ed accessoriata che può offrire vari strumenti operatori fino a schermi integrati ed apparecchi diagnostici che permettono un migliore intervento nei confronti del paziente.Il prezzo può quindi variare notevolmente in base agli strumenti scelti, ergonomia etc.
Il costo medio di una sedia odontoiatria è molto ampio e passa dai 1000€ sino ad oltre i 10000€ per i modelli più accessoriati.Viste le cifre, questo strumento è da considerarsi come un vero e proprio investimento per l’attività. Per poter definire il costo reale del macchinario bisogna però valutare vari aspetti tra cui: durata, assicurazione offerta, manutenzione e soprattutto la produttività e le migliorie che apporterà l’utilizzo della poltrona.

Essendo la poltrona odontoiatrica topica per la buona riuscita di uno studio odontoiatrico, è molto importante poter scegliere con consapevolezza ponderando tutti i dettagli e, solo dopo l’esperienza di acquisto, il prezzo sarà completamente giustificato se avrete scelto uno strumento di lavoro ottimale e redditizio in grado di aumentare in modo significativo l’efficacia del servizio.

Di FA